Shopping online e Outlet: perchè la gente preferisce ancora acquistare le grandi marche nei negozi fisici

1 Flares 1 Flares ×


Nonostante gli ultimi dati Ansa parlino di oltre
200 milioni di transazioni per lo shopping online (in notevole aumento rispetto agli anni precedenti), il dato generale ci conferma che l’e-commerce rappresenta non più del 2% della spesa media di una famiglia italiana.

Come può essere possibile un dato del genere? E’ incredibile che nel 2015 la gente preferisca ancora uscire di casa a fare la spesa piuttosto che ordinarla comodamente da casa propria?

Shopping

Ebbene sì: sembra proprio che la tendenza, almeno in Italia, sia proprio questa. Nel decennio di Internet, degli smartphone e dei social, si percepisce ancora un certo timore nei confronti dello shopping online, e le motivazioni sono essenzialmente due.

Innanzitutto vagheggia ancora un certa insicurezza nei confronti dei sistemi di pagamento online: la paura di essere “fregati”, di trovarsi nel “carrello” spese accessorie non ben identificate (le cosidette spese occulte)  o addirittura di ritrovarsi la carta di credito clonata è ancora troppo diffusa. Un piccolo passo avanti lo si è fatto con il diffondersi delle carte pre-pagate, che sembrano dare al consumatore qualche tutela in più; ma la paura resta. E questa paura, decisamente, rappresenta un enorme ostacolo al diffondersi dell’e-commerce nella massa.

In secondo luogo c’è anche il pensiero di ricevere merce non conforme a quanto ordinato per non dire addirittura merce falsa. E’ all’ordine del giorno il sequestro da parte della Guardia di Finanza di ingenti quantità di merci contraffatte, in arrivo in prevalenza dai mercati asiatici. E l’acquisto “a distanza” ci espone sicuramente a rischi maggiori per quanto riguarda la contraffazione.

Shopping_onlinePer gli internauti un po’ “navigati” non è difficile scoprire quando si tratta di truffe vere e proprie: numerosissimi siti si offrono come Outlet online di questa o di quella marca (e si tratta generalmente di grandi marchi della moda italiana e non), ma sono in realtà società nate con l’unico intento di rivendere la merce contraffatta. Campanello d’allarme dev’essere sicuramente il prezzo eccessivamente scontato: non è possibile che una scarpa all’ultima moda, che magari in negozio costa 300€, venga venduta a 50€ con disponibilità illimitata! Qualcosa forse non va! Ad onor del vero va detto che esistono online numerosissimi outlet affidabilissimi e sicuri che propongono affari davvero imperdibili come quelli recensiti da Outletidea.com.

Ed è per queste ragioni che spesso la gente preferisce recarsi fisicamente in negozio a scegliere i propri acquisti toccandoli con mano e potendone verificare la qualità.

Certamente alcune tipologie di prodotto si prestano più di altre alla necessità del “toccare con mano”: per esempio accessori come le scarpe oppure gli occhiali, vanno generalmente indossati per verificarne misura e vestibilità. Altri prodotti potrebbero tranquillamente essere acquistati online.

E grazie a questo atteggiamento diffidente degli italiani, il territorio si sta coprendo a macchia d’olio di outlet di ogni genere: parliamo chiaramente di negozi fisici e reali, negozi singoli o inseriti all’interno di veri e propri villaggi dello shopping. Ce ne sono dappertutto, citiamo solo i più importanti come il Serravalle Designer Outlet, il Franciacorta Outlet Village o il più ricercato The Mall. Perché l’italiano è sicuramente diffidente ma non vuole comunque rinunciare al risparmio!

 

 

Sara Piazza

Sara Piazza

Designer e creativa, con una passione sfrenata per lo shopping. Mamma di tre splendide bambine, copywriter freelance amante di moda e design.
Sara Piazza

Related posts:

Lascia un commento

Shares