E-commerce online: quando la vetrina si chiama Facebook

3 Flares 3 Flares ×

Guest Post scritto da Elisa Fiocchi.

E-Commerce-marketing-creativo

Scoprire le strategie e i punti di forza che rendono un e-commerce un portale di vendita online di successo è un processo fondamentale anche per il cliente finale nella prospettiva non solo di risparmiare tempo, filtrando l’offerta in rete, ma anche (e soprattutto) nell’ottica di trovare la migliore offerta al prezzo più conveniente.

Benché difficile da credersi, oggi attraverso un e-commerce è davvero possibile colmare il gap relazionale della vendita online e fidelizzare il proprio cliente alla stregua del tradizionale commercio porta a porta nel quale il rapporto umano e confidenziale giocava un ruolo preponderante nell’acquisto finale.

Quali sono dunque gli ingredienti per il buon funzionamento di un e-commerce?

Prendiamo ad esempio il portale di Smartottica, un sito specializzato nella vendita di occhiali da sole online. Oltre ad essere visual friendly, quindi estremamente accattivante come immagini e semplice e immediato nella fruizione dei contenuti, questo e-commerce è in grado di proporre il miglior prezzo online in Italia grazie a partnership allacciate con i grandi brand internazionali e all’assenza effettiva di intermediari con conseguente risparmio nei ricarichi interposti.

Ecommerce-shop-online-marketing-creativo

In sintesi: un sito di bell’aspetto, semplice da usare e con offerte convenienti per l’utente. Ma c’è molto di più.

Oltre a un servizio assistenza concepito su misura per il cliente, con un Numero Verde e un contatto Skype sempre attivi, la presenza dei social network giocano un ruolo determinante nel creare un terreno fertile alla vendita.

E’ infatti su Facebook che il cliente alimenta il suo desiderio di shopping, lo spazio virtuale in cui socializza, scambia pareri e considerazioni sui modelli e la qualità dei prodotti, condivide interessi e gusti che vanno ben al di là di un paio di occhiali da sole.

Così accade che sul profilo Facebook di Smartottica, un film cult del 1968, Il caso Thomas Crown del 1968, sia l’ispirazione per presentare la rivisitazione del modello Persol 714, un grande classico che sfida le mode del momento, esattamente come l’intramontabile attore SteveMcQueen che li indossava sul set.

Parallelismi semplici che tuttavia hanno un impatto emozionale forte sull’utente e che sono in grado di diminuire le distanze e sopperire all’assenza di un negozio fisico.

Il social network diventa così la vetrina migliore per esporre i propri prodotti e solo chi riesce a farlo al meglio otterrà una ricaduta altamente positiva nelle vendite.  Se ne deduce che consentire al proprio business di viaggiare anche sul commercio elettronico è oggi una strategia tanto indispensabile quanto consolidata per aver successo, ma non tutti hanno chiaro come e quando farlo.

Innanzitutto è bene sapere che Facebook è solo la “facciata”, certamente importante, ma come tale deve funzionare come una calamita, agganciare traffico senza tuttavia esagerare e rischiare di sfinire il potenziale acquirente con post e contenuti. Fondamentale, invece, è essere pronti a comunicare le offerte, a esprimere un senso di esclusività in coloro che sono connessi e che usufruiranno di particolari promozioni.

Inoltre, senza una community non si hanno stimoli, interazioni. Uscire dal proprio settore di riferimento, proponendo spunti, idee e contenuti extra crea legami più profondi e meno commerciali e faciliterà lo scambio di idee e la creazione di un gruppo attivo.

Altro aspetto fondamentale riguarda l’impatto visivo della pagina su cui è necessario impostare una programmazione strategica di contenuti e di immagini che si ripetono più volte e che siano di altissima qualità in modo tale da creare continuità, fiducia e un impatto emozionale elevato circa l’identità del brand.

Infine, aggiornarsi sempre. Guardare cosa fanno i competitor, tenere monitorati i continui cambiamenti dei social network evitando di restare indietro è necessario per salire sul carro dei vincitori. E parlare, comunicare, fare domande, esporsi con le proprie opinioni.

Mai dimenticarsi che il cliente vuole comprare prima un sogno e poi un prodotto.

Related posts:

Lascia un commento

Shares