Come i Social Media influenzano i comportamenti dei Clienti di Ecommerce

12 Flares 12 Flares ×

social-media-ecommerce-marketing-creativo

Riuscire a influenzare il comportamento degli utenti online (e possibilmente a trasformarli in clienti, nel caso di attività di ecommerce) è una strategia che, se messa in atto nel modo corretto, può giovare molto all’aumento del volume di affari.

Bisogna però partire da un presupposto importante: il processo decisionale di un utente di ecommerce è molto complesso e costituito da diverse fasi. Su alcune di esse è possibile intervenire in modo diretto (pensiamo per esempio alla fase della conclusione di un acquisto, in cui la rapidità e semplicità delle procedure può far diminuire di molto il problema dell’abbandono del carrello).

Su altre fasi, che si situano, per così dire, più a monte rispetto all’acquisto vero e proprio, l’attività di influenza diventa meno diretta e controllabile.

Un settore cui le aziende impegnate nel commercio online dovrebbero porre la giusta attenzione è quella dei social media.

 

I social media come “società di mutuo soccorso”

I social media sono ritenuti molto importanti al fine di influenzare il comportamento degli utenti perché è molto comune che gli utenti stessi li sfruttino per avere un’interazione con altri utenti con necessità (o gusti) simili.

Questo vuol dire che un utente potrebbe utilizzare i social media per costruirsi un’opinione su un’azienda, e su questa basare la sua decisione di acquisto: l’opinione degli altri consumatori (soddisfatti o insoddisfatti) è molto importante.

I fattori “chiave” nell’utilizzo dei social media

Ma quali sono in concreto i fattori del mondo social media che possono avere un’influenza sul comportamento di acquisto di un utente:

–i “like” e i “link”: è molto probabile che un utente che trovi un determinato prodotto o servizio fra i “preferiti” dei propri contatti (o amici) sia spinto dalla curiosità a scoprire di più su quel determinato prodotto o servizio.

Ovviamente, più è il numero di contatti ad “apprezzare” un certo prodotto, più è probabile che un utente sia spinto a conoscerlo (e magari acquistarlo);

l’importanza di un buon voto: è chiaro che un prodotto non deve solo rientrare fra quelli conosciuti e segnalati dagli amici, ma deve anche avere ricevuto un buona valutazione.

Il fatto che sia possibile dare un voto e che la maggior parte di questi sia positivo è un buon biglietto da visita per conquistare un cliente;

l’intramontabile valore del passaparola: i feedback sono importanti per un utente internet, ancora di più se a lasciarli è un amico o un suo contatto (a cui è possibile chiedere anche un riscontro del feedback lasciato e dell’effettiva soddisfazione data da un prodotto o servizio).

Mai trascurare l’importanza dei buoni feedback: rappresentano spesso la molla che spinge un utente indeciso a trasformarsi in cliente.

 

L’uso dei social media: una necessità per le aziende

Monitorare e utilizzare nel modo corretto tutti i social media è una necessità cui un’azienda (soprattutto se opera nel campo del commercio online), non si può sottrarre: quella che potrebbe sembrare a una prima occhiata un’attività futile, quasi una perdita di tempo, può invece rivelarsi una strategia di marketing vincente per migliorare la visibilità e la reputazione di un’azienda.

Anche secondo te l’utente medio di internet da molta importanza a quanto viene “detto” a livello di social media? Oppure lo ritieni un canale di marketing di bassa importanza?

Related posts:

Lascia un commento

Shares