Il primo ascensore con le pareti commestibili

2 Flares 2 Flares ×

Quando tre agenzie di comunicazione mettono insieme le forze qualche cosa di curioso deve per forza nascere. Come cita il titolo, è stato installato il primo ascensore ricoperto da carta da parati che si può leccare. L’installazione si compone di 1325 adesivi a forma di biscotti di vari colori e al gusto di Jaffa Cake, applicati sulle pareti dell’ascensore che unisce i 16 piani del palazzo della Engine a Great Portland Street, nel centro di Londra.

Ascensore commestibile Jaffa Cake - Marketing Creativo

L’idea, ispirata da Willy Wonka, eccentrico proprietario della fabbrica di Roald Dahl Charlie e la Fabbrica di Cioccolato, nasce da Mischief PR e McVities, anch’esse agenzie di comunicazione londinesi, che in quattro settimane, con l’aiuto di artisti e tecnici alimentari, ha completato l’installazione.

L’iniziativa mira soprattutto a dare un po’ di colore ad impiegati stressati dal lavoro. Parlando al Female First, Philippa Tilley, senior brand manager di McVitie per Jaffa Cakes ha spiegato cosa c’è dietro il progetto: “Vogliamo rendere un pò più divertente la vita e questo è il modo perfetto per dare una piccola gioia agli impiegati stressati. Ci auguriamo che l’installazione strappi un sorriso, regali il gusto dei Jaffa Cakes e li incoraggi a comprarli per l’ufficio. “

Alla richiesta di delucidazioni del Daily Mail sulle implicazioni igieniche dell’opera, la portavoce risponde che i biscotti leccati vengono subito rimossi da un operatore che ha il compito di monitorare la situazione. Engine ha confermato via Twitter che “vale sicuramente la pena dare una leccata, inoltre nei corridoi ora c’è un gran profumo!”
Considerati i miliardi di batteri che circolano nell’ascensore, molti si chiedono se la trovata bizzarra sia stata davvero una buona idea. Non conosciamo ancora le possibili conseguenze epidemiologiche ma sicuramente il “virus” ha contagiato il web e per ora la campagna ha portato molta popolarità alle tre agenzie.

Related posts:

Lascia un commento

Shares